SINDROME INFLUENZALE:

 

FEBBRE

MODALITÀ

DI COMPARSA

TEMPE-

RATURA

SUDORA-

ZIONE

SETE

 

SINTOMI

CARATTERISTICI

MODALITÀ

 ACONITUM

NAPELLUS

Rapida

Elevata

---

+++

Brividi intensi, tachicardia, cute calda

arrossata, agitazione psico-motoria

< 24 h.

APIS

MELLIFICA

Rapida

Media

+/-

---

Infiammazione faringea con edema rosato, dolori brucianti e graffitivi, cute calda secca o traspirante

< caldo, contatto

> freddo

ARSENICUM

ALBUM

Rapida

Media

 

+

+++

Freddolosità intensa, diarrea coleriforme, bruciante; escoriante, debolezza e vomito, altemanza di agitazione psico-motoria e frustrazione

< 1-3 a.m.

freddo

> caldo

BELLADONNA

Rapida

Elevata

+++

+ / -

Congestione cefalica, pelle rossa e calda, dolori pulsanti, secchezza delle mucose, iperestesia sensoriale, prostrazione, irritabilità

< contatto, rumore

luce, aria fredda

> riposo,

semiseduto

BRYONIA

Lenta

Media

++

+++

Cefalea frontale, dolori muscolari, tosse secca e stizzosa, dolori toracici

<movimento

21h

>traspirazione

 riposo

 sudorazione

EUPATORIUM

PERFOLIATUM

Lenta

Elevata

+++

+++

Contusione e indolenzimento muscolare, dolori ossei (“ossa rotte”), dolori ai globi oculari, alternanza di torpore ed agitazione. Cefalea al vertice.

<movimento

 compressione  occhi

GELSEMIUM

SEMPERVIRENS

Lenta

Elevata o

Media

+++

---

Cefalea occipitale, congestione del viso, dolore ai globi oculari, molta prostrazione,tremori

<caldo

>movimento

traspirazione

FERRUM

PHOSPHORICUM

Lenta

Media o

Bassa

+

---

Cefalea congestizia, alternanza pallore e rossore del volto, tachicardia, epistassi, rigidità articolare dolorosa, brividi, tosse secca, spasmodica, dolorosa, <scoprendosi, secchezza bocca, faringe; dolori toracici, retrosternali, alternanza prostrazione e agitazione

<notte

movimento

freddo

>freddo locale

RHUS TOX

Lenta

Media

+++

+++

Cambia continuamente posizione; brividi al minimo movimento e scoprendosi; lingua secca con punta rossa

<freddo, immobilità,

umidità

NOTA BENE:  “ > “ migliora con…

                         “ < “ peggiora con…

Posologia : normalmente 4 granuli sotto la lingua 3-4 volte al giorno ; nei casi acuti 4 granuli anche ogni ora

                  I granuli prescritti quotidianamente possono essere sciolti in acqua che va consumata in giornata

 

 

ACONITUM NAPELLUS

La febbre agitata
Dopo un colpo di freddo asciutto, bruscamente, spesso intorno alla mezzanotte, compaiono i segni invasivi di una malattia infettiva, soprattutto delle vie respiratorie superiori.
La febbre è elevata, accompagnata da polso pieno, duro, rapido. Il malato di Aconitum è asciutto: la sua pelle non suda (salvo dopo la somministrazione del farmaco); ha le mucose aride; presenta tosse breve, secca, laringea. Ha il viso arrossato quando è disteso, impallidisce quando si alza a sedere sul letto. Può avere diarrea verde con ventre caldo, urine rare e calde, disuria.
È agitato in senso fisico e mentale; ha paura della morte; è convinto di stare per morire e reclama assistenza medica.
Altre cause di ansia
Questa fortissima ansia si manifesta non solo durante una malattia infettiva, ma anche durante un'emorragia, una nevralgia facciale (con intollerabili formicolii), un'amenorrea, una sindrome di falso angor nervoso (con dolori a formicolii, tachicardia, palpitazione), in seguito a uno spavento.
Repertorio clinico:Addominale (colica), Amenorrea, Angor, Ansia, Bambini, Bronchite, Cefalee e emicranie, Colpo di calore, Comportamento, Congiuntivite, Cornea (ulcerazione), Diarrea, Emottisi, Extrasistole, Febbre, Gastrite, Glaucoma, Insonnia, Intervento chirurgico, Laringite, Lipotimia, Meningite virale, Nefrite acuta, Nevralgie, Orchite, Otite, Paralisi, Pericardite, Paure, Polmonite, Pressione arteriosa, Rinite, Sole, Tosse.

APIS MELLIFICA (Ape)

L'edema rosato della pelle e delle mucose
Pelle e mucose sono invase da un edema rosato, molto sensibile al tocco, relativo a uno stato allergico che può manifestarsi in diverse forme: allergia alle punture di insetti, orticaria, rinitespasmodica, edema di Quincke, chemosi, congiuntivite, angina, edema della laringe, asma, artrite infiammatoria. I sintomi locali più significativi sono: dolori pungenti e brucianti che migliorano con applicazioni fredde; impressione che ogni respiro sia l'ultimo; edema dell'ugola; rigidità articolare.
Il versamento delle sierose
Versamento delle sierose: idrartrosi, pleurite, cisti ovarica con amenorrea.
La febbre senza sete
Febbre senza sete con strabismo, oliguria, anuria, interessamento meningeo, grido encefalico, goffaggine, stupore.
Repertorio clinico:Allergia, Amenorrea, Angina, Asma, Cisti ovarica, Coma, Comportamento, Congiuntivite, Dermite dei prati, Difterite, Eczema, Encefalite, Erisipela, Eritema nodoso, Glossite, Gonartrosi, Idrartrosi, Idrocele, Infezione cutanea, Laringite, Linfangite, Meningite virale, Nefrite acuta, Nefrotica (sindrome), Orticaria, Orzaiolo, Pleurite, Poliartrite reumatoide, Prurito, Punture d'insetti, Quincke (edema di), Retina, Reumatismi, Rinite spastica, Scarlattina, Sole, Ustioni.

 

ARSENICUM ALBUM (Anidride arseniosa)

L'esaurimento ansioso
II soggetto di Arsenicum album è magro, esaurito, ansioso; è agitato nonostante l'astenia. È convinto di stare per morire, si crede incurabile. Ha paura della morte, e a differenza di Aconito, rifiuta l'assistenza medica. Ha paura dei ladri e bisogno di compagnia. È meticoloso (raddrizza i quadri appesi al muro o le posate sulla tavola), avaro. Quando si presenta all'ambulatorio è vestito bene, «in ghingheri». Presenta al medico un incartamento minuzioso, compilato in bella scrittura Generale aggravamento la notte, soprattutto verso l'una del mattino. Periodicità dei sintomi.
Le secrezioni brucianti e maleodoranti
Le secrezioni di Arsenicum album sono acquose, brucianti, escorative, maleodoranti. Rinite acquosa e escoriativa, otorrea fetida. Feci untuose, diarrea fortemente fetida, di odore cadaverico. Sete intensa di acqua fredda in piccole quantità frequenti; nausee, vomito alla vista o all'odore dei cibi, febbre con brividi da freddolosità.
Le irritazioni delle mucose sono di solito accompagnate da dolori brucianti ma che migliorano col calore.
I segni cutanei
Pelle pallida e cerea, edematosa, incartapecorita, rugosa. Edema bianco delle palpebre, soprattutto della palpebra inferiore. Eruzione di squamette secche o in polvere fine come farina. Eczema atopico di vecchia data; avvicendamento di eczema e di asma. Alopecia a chiazze rotonde, con croste secche.
I segni di malattia grave
Cachessia, anemia, freddolosità, mancanza di calore vitale, tendenza emorragica, cancrena, urea elevata. Tendenza a lesioni varie.
Repertorio clinico:
Allergia, Alopecia, Anemia, Ansia, Arterite, Asma, Astenia, Comportamento, Congiuntivite, Depressione nervosa, Diarrea, Difterite, Dispepsia, Ecchimosi, Eczema, Emorragie, Epatite virale, Erisipela, Esofagite, Febbre, Gastrite, Gastroenterite, Gengivite, Infezione cutanea, Influenza, Intossicazione da cibi guasti, Ipotermia, Lichene piano, Linfangite, Lipotimia, Micosi, Nefrite acuta, Nefrite cronica, Nefrotica (sindrome), Orticaria, Ossessione, Otite, Pancreatite, Paure, Pericardite, Pitiriasi rosata di Gibert, Prurito, Psoriasi, Rinite, Rinite spastica, Rogna, Scarlattina, Sciatica, Tifoidea, Ulcera cutanea, Ulcera gastroduodenale, Varici, Vomito, Zona

 

BELLADONNA

La febbre delirante
Con Belladona abbiamo spesso una febbre che compare in modo brusco, in concomitanza con la fase iniziale di una malattia infettiva delle vie respiratorie superiori. La temperatura è molto alta, intorno ai 40 gradi C. Il polso è duro, pieno, rapido. Il corpo sprigiona un calore irradiante, percettibile a distanza, accostando la mano. C'è traspirazione calda (Aconitum presenta un quadro febbrile affine ma con pelle asciutta). La testa è calda e le estremità fredde. Le mucose sono aride.
Il malato è sonnolento; il suo stato di prostrazione è interrotto da periodi in cui borbotta o delira, durante i quali ha allucinazioni di animali. Digrigna i denti; eventualmente ha convulsioni febbrili aggravate dalle scosse. Spesso si tratta di un bambino che fino a quel momento è stato in buona salute.
Il soggetto ha l e guance arrossate e calde, come le labbra, che sono gonfie; lo sguardo fisso, gli occhi brillanti, prominenti, con midriasi; le congiuntive sono iniettate. Notevole fotofobia e grande suscettibilità al rumore.
La lingua è color lampone. La gola è arrossata e arida, come pure la laringe, con sensazione di costrizione e dolore alla deglutizione. Piccola tosse secca e sete intensa.
La febbre può essere accompagnata da epistassi di sangue caldo, da adenopatie. I dolori sono pulsanti (cefalea, otite, dolore per un ascesso), sopravvengono e scompaiono all'improvviso. Tenesmo uterino, rettale, vescicale; enuresi; il soggetto sogna di urinare e si sveglia con difficoltà. Può esserci eruzione rossa, uno sfogo liscio scarlattiniforme.
Altri sintomi notori
Cefalea che si aggrava quando la testa pende in avanti, migliora se la si piega all'indietro. Dolori addominali che migliorano quando il malato si sdraia sul ventre. Amenorrea con sensazione di appesantimento verso il basso degli organi del bacinetto. Emorragie di sangue caldo.
Repertorio clinico:
Aborto spontaneo, Addominale (colica), Adenopatie, Amenorrea, Angina, Bambini, Basedow, Bronchite, Cefalee e emicranie, Colpo di calore, Coma, Congiuntivite, Convulsioni, Denti, Diarrea, Enuresi, Epatica (colica), Erisipela, Febbre, Glaucoma, Glossite, Infezione cutanea, Laringite, Linfangite, Meningite virale, Metrorragia, Morbillo, Nefritica (colica), Nevralgie, Orchite, Orecchioni, Otite, Pancreatite, Paure, Pertosse, Polmonite, Reumatismi, Rinite, Scarlattina, Sciatica, Seno, Sinusite, Sole, Tosse

 

BRYONIA ALBA

Il bisogno di assoluta immobilità
Il malato di Bryonia ha dolori pungenti, che si aggravano col minimo movimento e con il calore, migliorano con la forte pressione e l'immobilità assoluta. Durante la crisi dolorosa è irritabile; «insulta i suoi dolori».
Cefalea che si aggrava con il minimo movimento (perfino muovere gli occhi è doloroso); che si aggrava con la tosse; che migliora con la forte pressione.
Le articolazioni sono arrossate, calde, gonfie, con dolori caratteristici. Sono interessati i legami articolari. Il soggetto cammina reggendosi i lombi.
La secchezza delle mucose
Le labbra sono secche e screpolate, il naso è secco; gran sete, sapore amaro in bocca; mancanza di succhi gastrici, e quindi sensazione di avere una pietra nello stomaco; stitichezza con mucose aride.
Tosse secca che si aggrava entrando in una stanza riscaldata, mangiando, bevendo, col minimo movimento. Mentre tossisce il soggetto si tiene la testa o il petto (a causa di una fitta intercostale o di dolori pungenti). Sente dolore nel respirare. Sta disteso sul lato che gli fa male, appunto perché sta meglio con la pressione forte e l'immobilità.
I versamenti
Infiammazione delle sierose: idrartrosi, pleurite.
La febbre
Febbre con movimento convulso delle mascelle, desiderio di restare tranquilli, irritabilità o stupore; viso congestionato, sete. Talvolta il malato delira, ha l'impressione di non essere a casa propria e vuole esservi riportato.
Altri sintomi notori
Linfangite del seno, che è indurito, caldo, dolente. Vertigini con la sensazione che la testa giri in cerchio, o sensazione di sprofondare nel letto.
Repertorio clinico:
Bronchite, Cefalee e emicranie, Comportamento, Diarrea, Dispepsia, Dorsalgia, Epatica (colica), Epatite virale, Febbre, Glaucoma, Gonartrosi, Gotta, Idrartrosi, Influenza, Linfangite, Lombaggine, Meningite virale, Nevralgie, Pelvispondilite reumatica, Periartrite, Pericardite, Pleurite, Polmonite, Reumatismi, Rinite, Sciatica, Seno, Stitichezza, Tifoidea, Tosse, Vertigini

 

EUPATORIUM PERFOLIATUM

La febbre con dolori alle ossa
Febbre con dolori in profondità, alle ossa. Sensazione di ossa rotte, di lividura su tutto il corpo. Cefalea con dolori nei globi oculari. Vomito bilioso durante la febbre.
Repertorio clinico:
Dengue (Febbre rompi-ossa), Influenza, Vomito.

 

GELSEMIUM SEMPERVIRENS

L'abbrutimento
Il soggetto ha l'aspetto abbrutito, con sonnolenza, viso rosso scuro, desiderio di essere lasciato tranquillo; ha le palpebre pesanti, cadenti; gli sfinteri rilassati; soffre di cefalea occipitale; trema.
Questo stato può instaurarsi in circostanze diverse: dopo un'emozione, una brutta notizia o uno spavento; in un ritardo del parto; in un'emicrania (preceduta da disturbi oculari e che si conclude con abbondante emissione di urina incolore). Ma i due quadri principali in cui si ritrova l'abbrutimento di Gelsemium sono l'ansia di anticipazione e la febbre.
L'ansia di anticipazione
A1 momento di un esame, di una prova sportiva, prima di una seduta di cure odontoiatriche il soggetto presenta una diarrea di anticipazione e tremiti; inoltre è lento (al contrario di Argentum nitricum che è precipitoso) e abbrutito.
La febbre
La febbre di Gelsemium s'instaura lentamente: comparsa progressiva dell'abbrutimento; concomitanza di polso lento, rinite acquosa, defecazione involontaria; febbre senza sete; desiderio di stare solo.
Possono esserci sintomi più gravi, come paralisi dei centri motori, con perdita del coordinamento dei movimenti, tremiti
intensi, diplopia, strabismo, ptosi, afonia, vertigini, sensazione che il cuore debba cessare di battere se il soggetto non si muove.
Questa condizione corrisponde in molti casi ad affezioni virali a localizzazione neurologica, spesso benigne: rinite, influenza ecc.; ma può instaurarsi a seguito di affezioni più gravi come un'encefalite, un principio di poliomielite, una sindrome di Guillain-Barré Infine Gelsemium sarà indicato quando l'esantema di una febbre eruttiva tarda a manifestarsi e si ritrovano i sintomi descritti sopra.
I disturbi oculari
Gelsemium può essere usato in diversi tipi di lesioni oculari: essudato retinico, coroidite, distacco della retina, glaucoma.
Repertorio clinico:
Ansia, Cefalee e emicranie, Denti, Diarrea, Difterite, Encefalite, Epatite virale, Extrasistole, Febbre, Febbri eruttive, Glaucoma, Guillain-Barré, Influenza, Insonnia, Intervento chirurgico, Lipotimia, Panico, Paralisi, Parto, Paure, Poliomielite, Retina, Rinite, Rinite spastica

 

FERRUM PHOSPHORICUM (Fosfato ferroso-ferrico)

La febbre a ondate
Febbre irregolare: quando la temperatura è bassa le guance del malato sono pallide: quando sopravviene l'ondata di febbre le guance diventano rosse. La febbre non sale mai troppo (al contrario di ciò che avviene con Aconitum napellus o Belladona), ma resta intorno ai 38,5 gradi C. II polso è molle; possono essere presenti dolori reumatici (specie alla spalla). La febbre è accompagnata anche da disturbi congestizi; pneumopatia congestizia con tosse secca e breve che provoca emissione di urina, otite con timpano congestizio; e da emorragie: epistassi, talvolta emottisi.
Repertorio clinico:
Bambini, Bronchite, Emottisi, Epistassi, Febbre, Laringite, Otite, Polmonite, Tosse.

 

RHUS TOXICODENDRON

La rigidità articolare che migliora con il movimento
Rhus toxicodendron è indicato nei casi di rigidità dolorose dei tendini, conseguente a umidità, intenso sforzo muscolare, o che si manifesta durante una sindrome di tipo influenzale. I sintomo si aggrava all'inizio del movimento, si attenua prosenguendo il movimento ; il soggetto ha bisogno di muoversi per trovar sollievo ai dolori, che eventualmente ritornano per stanchezza.
Dolori all'articolazione temporo-mascellare. Dolori fra le spalle nell'inghiottire. Lombalgia che migliora su un piano duro. Distorsione. Raucedine dopo sforzo prolungato della voce che migliora a mano a mano che il soggetto parla. Miglioramento con le applicazioni di calore.
Le vescicole
Eruzione di vescicole circondate da un infiltrato rosso; il li quido è chiaro ma può evolvere verso la suppurazione. Prurito intenso che migliora con applicazioni di calore, che si aggrava col grattare; sensazione di bruciore dopo il grattareLe malattie infettive
Malattie infettive, con esaurimento, febbre adinamica; rigidità muscolare con dolori che migliorano per il movimento, quindi agitazione per riuscire a calmarli. Trian golo rosso sulla punta della lingua. Herpes.
Repertorio clinico:
Acne giovanile, Allergia, Astenia, Comportamento, Congiuntivite, Crosta lattea, Distorsione, Dorsalgia, Eczema, Epicondilite, Erisipela, Eritema nodoso, Herpes, Esofagite, Febbre, Influenza, Laringite, Lombaggine, Orecchioni, Orticaria, Otite, Periartrite, Prurigine, Reumatismi, Scarlattina, Sciatica, Sport, Tendinite, Tifoidea, Traumatismi, Varicella, Zona.